In un contesto in cui gli abbonamenti mobile sono sempre meno in crescita, le società di telecomunicazioni stanno studiando il modo di poter ottenere ricavi, attraverso l’intervento di Yahoo. Le…

Yahoo come strumento di monetizzazione dei dati

Yahoo come strumento di monetizzazione dei dati

In un contesto in cui gli abbonamenti mobile sono sempre meno in crescita, le società di telecomunicazioni stanno studiando il modo di poter ottenere ricavi, attraverso l’intervento di Yahoo.

Le compagnie telefoniche di tutto il mondo  si stanno attivando affinché riescano a monetizzare tutta la trafila di dati necessari alla generazione di informazioni, come telefonate e servizi di posizionamento.

Secondo la società di ricerca 451 Reasearch, negli ultimi anni si è registrato un calo sostanziale degli introiti per le industrie di telecomunicazione pari al 40%, dovuto sostanzialmente alla diminuzione degli abbonamenti mobile. Per questo motivo le telco stanno cercando di far fronte a questo problema studiando tutte le possibili soluzioni e recuperare così la perdita economica. Tra le soluzioni vi è quella di monetizzare le informazioni sui dati degli utenti, dagli indirizzi di casa alle posizioni fisiche in cui si trovano i dispositivi de gli utenti. Per gli operatori telefonici questi dati possiedono un valore reale e un’opportunità concreta di guadagno.

Tra gli operatori americani, Verizon ha tutte le carte in regola per accaparrarsi Yahoo, dopo il recente acquisto di AOL e di Millennial Media. Ciò rappresenterebbe un ostacolo per le compagnie concorrenti come AT&T, che si stanno adoperando nella nuova impresa di monetizzazione.  A fornire Verizone, dopo l’acquisizione di AOL, è riuscita a fornire i dati agli inserzionisti, avviando una personale vendita delle pubblicità digitali. Secondo quanto dichiarato da 451 Research con l’inserimento dei dati per scopi pubblicitari si è già potuto constatare un evidente guadagno.

Verizon, AT&T e altri operatori mobili, dunque, vedono in Yahoo la soluzione: la piattaforma digitali  e gli strumenti per l’email marketing e la pubblicità mobile di Yahoo, rappresentano una grande fonte di guadagno per le offerte di targeting o ancora per gli annunci dei clienti che visualizzano dati in streaming.

In questo contesto, Yahoo sarebbe in grado di offrire nuove tecnologie basate sul search, display, video e annunci mobile. Verizon, con l’acquisto di AOL, e probabilmente con quello di Yahoo, potrà garantirsi un ruolo di rilievo nel settore relativo ai contenuti di pubblicità mirata, come i video, che rappresentano il supporto maggiore per veicolare i dati delle inserzioni premium.

Leave a Reply