Il WiMax si sta iniziando a diffondere in tutti i paesi sviluppati, come ad esempio in Italia. Tra le aziende più all’avanguardia in termini di fornitura servizi c’è sicuramente AriaMax,…

WiMax, coming soon?

WiMax, coming soon?

Il WiMax si sta iniziando a diffondere in tutti i paesi sviluppati, come ad esempio in Italia. Tra le aziende più all’avanguardia in termini di fornitura servizi c’è sicuramente AriaMax, mentre da un punto di vista “”hardware”” c’è Intel, una delle prime aziende ad aver rilasciato prodotti WiMax sul mercato.

Il WiMax è la chiave per rompere le barriere dell’ultimo miglio che hanno rallentato l’adozione della banda larga in vari paesi e in varie zone del paese italiano, in particolare nelle zone rurali, dove il costo della distribuzione di connessioni a banda larga non è economico. La tecnologia potrebbe aprire la disponibilità dell’accesso a Internet anche ai paesi in via di sviluppo, come Cina e India.

Il WiMax promuoverà inoltre una maggiore concorrenza in paesi come Taiwan e Corea del Sud, anche se il tasso di penetrazione della banda larga è già molto alto da quelle parti. Si può pensare che saranno sempre più fornitori di servizi a competere per i servizi a imprese e famiglie.

La velocità più alta e la più grande portata di copertura permetterà al WiMax di diffondersi sempre di più, soprattutto nelle zone rurali, come detto, dato che la copertura arriva fino a 50 chilometri. Il WiMax verrà inizialmente usato per superare vari problemi, come ad esempio quello già citato legato all’ultimo miglio, ma anche le leggi e i regolamenti locali. In teoria (e in pratica) questa tecnologia può essere utilizzata per collegare le reti a banda larga in modalità wireless attraverso vari punti di accesso che includono la connessione Wi-Fi gratuita. In futuro gli utenti saranno in grado di connettersi ancora meglio alle reti WiMax direttamente dai computer portatili o dai telefoni cellulari.

Il futuro per il WiMax è decisamente roseo, non resta altro da fare che continuare a coltivare questa tipologia di connessione e preparasi, perché il WiMax è il futuro, un futuro che va 50 chilometri distante.

Leave a Reply