Nuove trappole in agguato per i consumatori da parte dei gestori telefonici.  Per WhatsApp e Facebook si rischia di pagare fino a 6 euro al giorno. Con i nuovi piani…

WhatsApp e Facebook, nuove trappole dagli operatori

WhatsApp e Facebook, nuove trappole dagli operatori

Nuove trappole in agguato per i consumatori da parte dei gestori telefonici.  Per WhatsApp e Facebook si rischia di pagare fino a 6 euro al giorno.

Con i nuovi piani base degli operatori, navigare in rete costa in più. Infatti per le sim ricaricabili navigare in rete con il traffico dati può far aumentare i costi all’insaputa del consumatore.

Da una recente analisi di Adnkronos, per gli utenti che hanno sottoscritto dei piani base con gli operatori TIM, Wind e Vodafone, possono esserci dei costi maggiorati per il traffico dati internet, per gli utenti che non si sono fermati a leggere con attenzione le normative contrattuali.

I piani tariffari base in questione sono TIM base e Wind senza scatto, per entrambi i piani il costo della navigazione in rete è di 4 euro. Per quanto riguarda Vodafone, la tariffa giornaliera per la sim ricaricabile a consumo ha un costo di 6 euro al giorno, per il massimo di 1 gb di traffico dati giornaliero.

Le tariffazioni a consumo per il traffico dati si attivano automaticamente alla prima connessione da parte dell’utente. Ciò significa che la semplice operazione come visualizzare una pagina web, mandare un messaggio su WhatsApp o accedere al proprio profilo Facebook, può costare la bellezza di 4 e 6 euro (a seconda dell’operatore telefonico). In questo caso, per non incorrere nei sovrapprezzi della connessione internet, bisogna richiedere la disattivazione del servizio direttamente chiamando il numero per l’assistenza clienti.

Per quanto riguarda i clienti Tre, invece, possono usufruire di una sim prepagata con solo traffico voce + sms, entrambi dal costo rispettivo di 15 centesimi per ogni minuto di chiamata e 15 centesimi per ogni sms inviato. Mentre internet è presente di default è ha un costo di 20 centesimi per ogni megabyte consumato, ma può essere disattivato togliendo la connessione dati sul telefono.

Per le prepagate che presentano attiva una promozione flat bisogna porre molta attenzione soprattutto per la tariffazione a cui può incorrere il cliente nel caso di consumo del traffico dati oltre la soglia. Perchè se si superano i gb o i minuti messi a disposizione dal piano tariffario il sovrapprezzo è considerevole. E secondo quanto denunciato da AgCom questi costi non sono inclusi nelle condizioni generali contrattuali.

 

Leave a Reply