Doveva partire ad Aprile, ma è fatta slittare al mese di maggio l’effettiva partenza dell’Opzione Superfibra, della Telecom Italia. L’offerta che permette di aumentare la velocità di connessione portando fino…

L’opzione Superfibra di Telecom è in arrivo.

L’opzione Superfibra di Telecom è in arrivo.

Doveva partire ad Aprile, ma è fatta slittare al mese di maggio l’effettiva partenza dell’Opzione Superfibra, della Telecom Italia. L’offerta che permette di aumentare la velocità di connessione portando fino a 50 Mega in download e da 3 fino a 10 Mega in upload con un costo di 5 euro in più al mese, con il primo mese gratuito in prova.

La nuova super fibra si basa sulla rete in fibra ottica realizzata in architettura FttC (Fiber to the Cabinet) ossia la fibra ottica viene portata fino all’armadio stradale e non direttamente in casa. Non è esattamente una linea in fibra ottica ma non è neanche una linea ADSL. Ma questa tecnologia permette di aumentare considerevolmente la banda.

Vogliamo offrire ai nostri clienti servizi sempre più evoluti e caratterizzati da standard qualitativi elevati – ha dichiarato Marco Patuano, Amministratore Delegato di Telecom Italia – e questo lo possiamo fare grazie alle prestazioni consentite dalle nuove reti ultrabroadband che stiamo realizzando nel Paese con un programma di investimenti impegnativo. La maggiore velocità di connessione che renderemo disponibile da aprile rappresenta un importante step evolutivo delle potenzialità offerte dall’architettura FTTCab, la quale si conferma in questo modo come uno dei fattori chiave nel perseguimento della nostra strategia che punta a valorizzare il segmento del fisso anche attraverso un’offerta di contenuti multimediali di pregio”.

In quest’ottica la Telecom ha recentemente firmato un nuovo Memorandum of Understanding (MOU), il terzo, con Lepida SpA e Regione Emilia-Romagna sulla diffusione delle tecnologie di connessione a banda larga e ultralarga in Emilia-Romagna. Programmazione congiunta in vista di altre iniziative specifiche per l’estensione della banda ultralarga e dei servizi disponibili.
Grazie ai due precedenti accordi la società ha attivato complessivamente 165 centrali in Emilia Romagna e l’abilitazione per una popolazione potenziale di circa 200.000 cittadini.
La società, grazie ad un importante piano di investimenti per il triennio 2015-2017, pari a circa 10 miliardi di euro, è riuscita a dare un forte impulso alla propria rete NGAN (Next Generation Access Network). Ad oggi i servizi ultrabroadband di Telecom Italia sono già disponibili in più di 130 città, pari ad una copertura a livello nazionale di oltre il 30% della popolazione, che diventerà il 75% entro il 2017.

Leave a Reply