Il prossimo 15 giugno 2017 verrà definitivamente abolito il servizio in roaming. Viaggiare in Europa significherà poter chiamare utilizzando la stessa tariffa e le stesse condizioni contrattuali previste dal servizio…

Servizio Roaming, no al limite di tempo

Servizio Roaming, no al limite di tempo

Il prossimo 15 giugno 2017 verrà definitivamente abolito il servizio in roaming. Viaggiare in Europa significherà poter chiamare utilizzando la stessa tariffa e le stesse condizioni contrattuali previste dal servizio di telefonia sottoscritto nel paese di appartenenza.

Le extra tariffe previste per il servizio roaming saranno definitivamente abolite a partire dal 15 giugno 2017. Insieme all’abolizione delle tariffe extra arriva anche la notizia che sono stati respinti i limiti di tempo per l’utilizzazione del servizio. Precedentemente si era parlato di fissare un limite di tempo per usare la propria tariffa all’estero, tale periodo limitato era pari a 90 giorni nell’arco di un anno, inoltre non dovevano essere 30 giorni consecutivi.

Guenther Oettinger, commissario dell’agenda digitale, ha infatti respinto la proposta del limite di tempo, giustificando tale decisione con il fatto che gli operatori telefonici possiedono tutti gli strumenti adatti per contrastare qualsivoglia tipologia di abuso del servizio.

Dunque per adesso non si metterà in atto il limite dei giorni per usufruire della tariffa nazionale quando si è all’estero.  A valutare gli eventuali abusi saranno direttamente le compagnie telefoniche che in caso riscontrino anomalie possono intervenire tempestivamente e bloccare il servizio. Il principio per rivelare tali anomalie si baserà sulla residenza dell’utente e sulla connessione stabile.

La Commissione europea sta comunque delineando le linee guida e i migliori approcci possibili per far fronte agli inevitabili abusi che scatteranno con l’abolizione del roaming. Il punto in questione è quello di utilizzare la carta sim della nazione di origine anche in altre nazioni e alle stesse condizioni del paese di origine. I prezzi nazionali entrano in vigore ogni volta che si chiama o si riceve una chiamata, si invia o si riceve un sms e si utilizza la connessione dati per l’internet mobile.

Il roaming è da considerarsi un servizio stabilito solo per chi viaggia e non per altre soluzioni di risparmio. Infatti sarà considerato abuso chi utilizza una sim estera (perchè con tariffe più convenienti) nel proprio paese di residenza. Per tali abusi però gli operatori dovranno avvisare i clienti e applicare loro eventuali rincari sulle tariffe standard. Il cliente può comunque avanzare un eventuale ricorso.

 

 

Leave a Reply