Dal 15 giugno 2017 saranno eliminati tutti i costi aggiuntivi del servizio roaming per chi viaggerà nei ventotto Paesi dell’Unione Europea. La decisione include chiamate, sms e traffico internet e…

Roaming, Vodafone fa a gara con gli altri operatori e taglia i costi

Roaming, Vodafone fa a gara con gli altri operatori e taglia i costi

Dal 15 giugno 2017 saranno eliminati tutti i costi aggiuntivi del servizio roaming per chi viaggerà nei ventotto Paesi dell’Unione Europea. La decisione include chiamate, sms e traffico internet e non saranno previsti nemmeno costi per le chiamate in entrata. Prima di questo giorno però i gestori di telefonia si stanno adeguando all’eliminazione definitiva del servizio abbassando i costi delle tariffe roaming attuali.

I vari gestori telefonici si stanno conformando per i costi extra del roaming sulle tariffe nazionali, i tetti massimi stabiliti dall’Unione Europa vedono i prezzi abbassati da 19 a 5 centesimi per le chiamate effettuate, da 5 a 1,14 centesimi per le chiamate ricevute, da 6 a 2 centesimi per gli sms e da 20 a 5 centesimi per il traffico dati di internet (iva esclusa).

Nell’attesa della stagione estiva in arrivo, Tim, Wind e Tre stanno abbassando tutte le tariffe per l’estero mentre Vodafone ha deciso di fare un regalo ai suoi vecchi e nuovi clienti anticipando i tempi e tagliando definitivamente tutte le tariffe extra per il servizio roaming. Vodafone ha lanciato il piano Red con le due offerte Red Start (chiamate ed sms illimitati e 4 Gb di internet a 39 euro al mese ) e Red Maxi (chiamate ed sms illimitati e 8 Gb di traffico e sei mesi di Netflix a 49 euro al mese). Per entrambe le tariffe, se si superano al giorno 100 sms, 100 minuti e 100 mb è previsto un rincaro di 2 euro.

Eliminare il roaming rappresenta una priorità per l’Unione Europea che sta adottando la politica del Digital Single Market, in grado di ridurre sempre di più ogni ostacolo per lo sviluppo promuovendo il libero traffico delle informazioni.

In vista dell’eliminazione del roaming sono state introdotte diverse regole tra cui quella che vede l’invio di un sms di avviso per l’utente che sta utilizzando il servizio in roaming, che lo informa su quanto si stia pagando rispetto alla propria tariffa. Inoltre è disponibile anche l’opzione price shock, grazie alla quale le compagnie telefoniche non possono rincarare più di 50 euro di traffico dati internet sulla bolletta.

Tra le nazioni di interesse Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Danimarca, Irlanda, Regno Unito, Grecia, Portogallo, Spagna, Austria, Finlandia, Svezia, Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Ungheria, Bulgaria, Romania o Croazia.

Leave a Reply