Le donazioni solidali, attraverso sms e chiamate, sono una soluzione comoda e veloce per dare il proprio contributo economico alle tante cause sociali che ogni giorno radio, televisione e media…

Raccolta fondi telefonica: accordo sulla trasparenza

Raccolta fondi telefonica: accordo sulla trasparenza

Le donazioni solidali, attraverso sms e chiamate, sono una soluzione comoda e veloce per dare il proprio contributo economico alle tante cause sociali che ogni giorno radio, televisione e media in genere ci propongono.

Tante organizzazioni no profit, con il sostegno dei grandi operatori telefonici e dei broadcaster, hanno fatto ricorso a questa modalità di fundraising. Tuttavia, ci sono stati diversi scandali legati alla mancanza di trasparenza in questo specifico ambito.

Scandali che, a loro volta, hanno provocato anche una certa sfiducia da parte dei potenziali contribuenti e una conseguente perdita di contributi. Per tale motivo, Telecom Italia, Vodafone e Wind hanno fondato “Dono per…”, un consorzio per la raccolta fondi, telefonica, trasparente e sicura.

La novità

“Dono per…“ è una società consortile a responsabilità limitata, la cui mission è gestire le iniziative per la raccolta e la distribuzione dei fondi raccolti, a scopo solidale.

Il servizio, inoltre, è rivolto anche al fundraising politico. L’iniziativa ha la finalità di aumentare il livello di trasparenza, che fino ad oggi è stato il punto debole delle campagne solidali telefoniche, ed eliminare qualsiasi perplessità da parte degli utenti.

Grazie a “Dono per…”, infatti, i donatori avranno la garanzia che l’importo devoluto andrà all’iniziativa beneficiaria, all’associazione o al partito politico prescelto, ad eccezione di una minima parte (non oltre il 4% dei fondi raccolti) che serve a coprire i costi di gestione del consorzio.

I colossi delle telecomunicazioni, dunque, hanno deciso, di comune accordo, di dare vita ad un nuovo soggetto giuridico che garantisca quell’omogeneità di comportamento, finora mancante, da parte degli enti profit e non, beneficiari di contributi solidali.

La struttura del consorzio

La neonata società presenterà una struttura snella e in linea con le esigenze espresse dai tanti soggetti appartenenti al “Terzo settore”, in modo tale da assicurare una semplificazione dei processi gestionali e una facilitazione delle attività di fundraising.

La partecipazione a “Dono per…” è possibile per tutti gli operatori fissi e mobili. Inoltre, il consiglio di amministrazione sarà composto da personalità di spicco come Antonio Catricalà, Enrico Giovannini e Simona Signoracci. Adesso non ci sono più scuse per non fare beneficenza con un semplice gesto.

Leave a Reply