È arrivata l’ estate e con essa anche le rimodulazioni dei molti piani tariffari attualmente in vigore nei diversi operatori telefonici. E in questa situazione sono sempre più numerose anche le lamentele…

Operatori telefonici: attenti alle rimodulazioni

Operatori telefonici: attenti alle rimodulazioni

È arrivata l’ estate e con essa anche le rimodulazioni dei molti piani tariffari attualmente in vigore nei diversi operatori telefonici. E in questa situazione sono sempre più numerose anche le lamentele da parte dei consumatori vittime  di tali cambiamenti.

In auto degli utenti arriva tempestivo AgCom, Garante per la comunicazione, che in seguito alle continue segnalazioni, ha deciso di prendere in mano la situazione e inviare sanzioni consistenti ai gestori telefonici che hanno agito illecitamente e con poca trasparenza nei confronti dei fedeli consumatori.

Il caso generale si è scatenato in seguito alla recente rimodulazione di 3 Italia sull’ opzione 4 G LTE dello stesso gestore, già in fase di cambiamento da alcuni mesi.

Mentre per quanto riguarda gli altri gestori TIM, Vodafone e Wind sono stati accusati di aver ridotto la durata del rinnovo delle promozioni mensile da 30 a 28 giorni, così da aumentare le mensilità annuali da 12 a 13 (tale soluzione è stata scelta anche per il rinnovo mensile degli abbonamenti riservati al settore di telefonia fissa).

Ma non solo moltissime opzioni messe a disposizione dai diversi gestori telefonici, sono state messe a pagamento, come il servizio TI HO CERCATO, gli avvisi di chiamata, il servizio di infosoglie e i numeri per conoscere il credito telefonico. Mentre per quanto riguarda le tariffe stipulate rispettivamente nel 2013 e nel 2014 sono state aumentate nel costo mensile, con il conseguente aumento delle soglie previste dal piano tariffario. Inoltre una volta superate le soglie base per il traffico di internet messo a disposizione dal piano tariffario, questo viene bloccato e non più ridotto nella velocità di connessione.

Le cause di queste rimodulazioni fastidiose e a discapito del consumatore, non sono altro che la conseguenza della concorrenza agguerrita tra i gestori telefonici. In quanto la somma del fatturato annuale è crollata vertiginosamente al 25% negli ultimi 5 anni, agganciandosi a quello che è il trend che si riscontra nelle principali nazioni europee.

A questa grave perdita gli operatori sono corsi ai ripari effettuando dei taglia al personale, non investendo più sul mercato nazionale, chiudendo molti dei negozi presenti sul territorio nazionale, ma soprattutto eseguendo numerose rimodulazioni sui piani tariffari.

Leave a Reply