Gli operatori telefonici virtuali stanno prendendo il sopravvento rispetto a quelli di telefonia tradizionali. Ma passare da un operatore tradizionale ad un operatore virtuale conviene davvero? Attualmente un operatore virtuale…

Operatore virtuale, conviene?

Operatore virtuale, conviene?

Gli operatori telefonici virtuali stanno prendendo il sopravvento rispetto a quelli di telefonia tradizionali. Ma passare da un operatore tradizionale ad un operatore virtuale conviene davvero?

Attualmente un operatore virtuale ti riesce a garantire un servizio che non ha nulla da invidiare a quello offerto da un operatore telefonico tradizionale. Per gli operatori virtuali è disponibile un servizio dalla qualità piuttosto alta, anche se le reti di questi operatori per funzionare devono appoggiarsi a quelle di proprietà degli operatori nazionali.

Il fattore che più conviene nel passaggio da un operatore tradizionale a quello virtuale è sicuramente il costo dei piani tariffari, anche se il prezzo non deve essere considerato un elemento decisivo per decidere tra un’offerta oppure un’altra. Ma il prezzo è di sicuro un elemento che attira particolarmente i potenziali clienti.

Ci sono altri fattori che però devono portare il consumatore a prendere una scelta responsabile e ponderata. Come prima cosa si deve verificare se la copertura con il nuovo operatore telefonico virtuale è garantita sul territorio di residenza. Tiscali Mobile si appoggia a reti TIM, che hanno una copertura totale sul territorio e con questo operatore virtuale non dovrebbero esistere problemi di ricezione.

Oltre ai problemi di ricezione esistono anche quelli relativi la connessione internet. Ci si deve informare se l’operatore di rete virtuale può garantire una connessione che sia in grato di supportare la velocità delle reti LTE. In Italian gli unici due operatori virtuali a garantire la rete 4 G sono solamente PosteMobile e Green Mobile. Per gli altri gestori è disponibile la rete HSPA, che tuttavia garantisce un’ottima connettività e velocità di linea.

Una volta verificate le questioni tecniche si può andare più a fondo e studiare le offerte. Molti dei piani tariffari degli operatori mobili garantiscono dei servizi gratuiti che altri operatori ormai hanno incluso a pagamento come ad esempi i servizi di avviso di chiamata o i numeri per verificare il proprio credito telefonico. Anche la funzione hotspot mobile risulta essere a pagamento per alcuni gestori tradizionali.

Sono molte altre le agevolazioni per gli operatori virtuali come la ricarica online e le app dedicate all’ assistenza clienti.

Leave a Reply