Dopo la diffusione della recente notizia che vedeva i Samsung Galaxy Note 3 esplodere durante la ricarica dei dispositivi, l’azienda sud coreana ha deciso di correre ai ripari e rilasciare…

Nuovi provvedimenti per il Samsung Galaxy Note 3

Nuovi provvedimenti per il Samsung Galaxy Note 3

Dopo la diffusione della recente notizia che vedeva i Samsung Galaxy Note 3 esplodere durante la ricarica dei dispositivi, l’azienda sud coreana ha deciso di correre ai ripari e rilasciare un aggiornamento in grado bloccare la ricarica della batteria al 60%. Inoltre è prevista anche l’attivazione di un Kill switch che consentirà lo spegnimento dei device non ancora restituiti.

La causa principale delle esplosioni dei Samsung Galaxy 3 Note è principalmente il surriscaldamento del phablet durante la ricarica. L’aggiornamento al firmware messo a punto da Samsung consente al dispositivo di limitare la ricarica fino al 60%. Tale aggiornamento sarà presto disponibile, infatti, il lancio è previsto per il 20 settembre. L’aggiornamento limita la ricarica della batteria che ha una capacità di 3500 mAh, abbassando il valore a circa 2100 mAh (trasformandolo come valore massimo). Tale aggiornamento dovrebbe limitare il pericolo delle esplosioni, in quanto si limita di parecchio la potenza della batteria e allo stesso tempo la probabilità di surriscaldamento.

Sono in atto trattative anche con gli operatori telefonici che hanno commercializzato il phablet. E nonostante molti richiami ai proprietari, alcuni dispositivi non sono rientrati nel ritiro generale, per tale motivo è decisione di Samsung quella di lanciare un Kill switch, così da rendere praticamente inutilizzabile il nuovo phablet della Samsung. Una manovra che potrebbe portare i possessori del dispositivo a restituire il device considerato ancora pericoloso per l’incolumità del cliente.

Il difetto di fabbrica dei nuovi Samsung Galaxy Note 3 può essere considerata una grave perdita per la società sud coreana sia dal punto di vista economico che di immagine. Ritirare i dispositivi è una strategia messa in atto con il mero obiettivo di riuscire, in parte, a tamponare eccessive perdite sia finanziarie che di clienti, ormai da anni fedeli al brand. Samsung ha prontamente rimosso dia la campagna pubblicitaria che quella televisiva. Inoltre, sono arrivate anche delle limitazioni da parte di compagnie aeree australiane che hanno limitato la ricarica del dispositivo sui propri voli a causa di alcuni incidenti.

Il nuovo Samsung Galaxy Note 3 attualmente è un dispositivo molto pericoloso, e si spera davvero che con il nuovo aggiornamento in arrivo si possano limitare i pericoli e rischi per l’incolumità dei proprietari.

 

Leave a Reply