Da pochi giorni è stato siglato l’accordo tra Linkem e ZTE, il colosso cinese della telefonia mobile, che prevede di combinare WiMax, lo standard per l’accesso alla banda larga senza…

Linkem e ZTE, il futuro di internet in Italia

Linkem e ZTE, il futuro di internet in Italia

Da pochi giorni è stato siglato l’accordo tra Linkem e ZTE, il colosso cinese della telefonia mobile, che prevede di combinare WiMax, lo standard per l’accesso alla banda larga senza fili, alla connessione casalinga LTE-Advanced, con l’obiettivo di portare l’internet senza fili ad alta velocità. Il WiMAX e la tecnologia LTE Advanced rappresentano la linea internet del futuro, non solo in Italia. Un’alternativa valida agli altri standard di connettività, come la fibra ottica e l’Adsl.

La linea, considerata la rete fixed-wireless a banda ultra-larga tra le più estese al mondo, usufruirà degli standard radio più avanzanti, raggiungendo una frequenza di 3,5 GHz. L’accordo, che prevede anche l’unione tra la connessione su rete fissa e quella su linea mobile, sbarcherà nelle case degli italiani, prima tappa Roma, entro il 2020 e successivamente nel resto della penisola italiana.
Un importante miglioramento e un’occasione concreta per la digitalizzazione del Paese, che porterà i cittadini romani di avvalersi, grazie all’installazione di queste nuove reti, di  una connessione che non avrà eguali, una svolta per la connettività domestica.
La nuova rete non si contraddistinguerà dalle altre solamente per la stabilità della connessione, ma anche per la velocità. Gli standard andranno ben oltre, rispetto le connessioni delle reti attuali: per il momento i comuni coperti dall’LTE raggiungono una soglia di connessione massima di 20 mega.

Un aspetto molto positivo è quello relativo la stesura dei cavi nell’area cittadina, in quanto per attivare la nuova linea non sarà necessario aprire nuovi cantieri. Una sfida davvero importante, volta a superare i diversi vincoli ambientali, tramite l’utilizzo di tecnologie innovative installate dall’alto.

Anche Tiscali sta portando avanti un progetto simile, nato dalla fusione con Aria, un altro operatore WiMax, e dalla partnership con Huawei Technologies. L’obiettivo del progetto è quello di realizzare oltre 1250 Base Station a livello nazionale. La linea sarà caratterizzata da una rete TDD 4.5G WTTx (Wireless fiber to the X). La nuova tecnologia avrà la capacità di fornire servizi di Multimedia Broadband fino a 1 Gbps su tutto il territorio nazionale.
Da realizzare entro e non oltre i prossimi tre anni, a partire dal terzo trimestre 2016.

Leave a Reply