Quando si effettua la portabilità sul proprio numero di telefono, la migrazione telefonica da un operatore all’altro deve garantire che il proprio numero rimanga sempre lo stesso. Nel caso in…

In caso di perdita di numero durante la portabilità, l’operatore ti risarcisce

In caso di perdita di numero durante la portabilità, l’operatore ti risarcisce

Quando si effettua la portabilità sul proprio numero di telefono, la migrazione telefonica da un operatore all’altro deve garantire che il proprio numero rimanga sempre lo stesso. Nel caso in cui questo non avvenga si può chiedere un risarcimento all’operatore telefonico.

Quando si arriva a perdere il numero telefonico durante la fase della portabilità, l’operatore telefonico ha il diritto di risarcire l’utente con il valore di 100 euro per ogni anno di utilizzo dell’utenza. L’indennizzo può avere un valore quadruplicato nel caso in cui si tratti di un numero utilizzato come utenza commerciale o professionale.

Il risarcimento è obbligatorio in quanto deve tutelare l’utente e andare incontro a tutti i disagi a cui, quest’ultimo sarà sottoposto, in seguito al cambiamento del numero telefonico. Ovviamente la situazione si aggrava, nel caso in cui a cambiare numerazione sia un’utenza dedicata all’uso commerciale e/o professionale da parte dell’utente. In questo caso subentra la gravante dei disagi lavorativi, dal momento che il numero fa parte di un’identità aziendale e si il mezzo di contatto per i clienti.

Come viene calcolato il valore dell’indennizzo?

Nel caso in cui a perdere la numerazione sia un utente classico, il calcolo dell’indennizzo viene effettuato in base agli anni in cui l’utente è rimasto fedele all’ex operatore, cioè agli anni in cui si è stati in possesso di quello specifico numero di telefono. Il risarcimento ha un valore minimo di 100 euro, per ogni anno in cui si è fatto uso della numerazione telefonica, ormai andata perduta.

Se invece l’utenza telefonica, che ha subito il cambio di numerazione, è associata ad un’attività commerciale o è utilizzata per scopi professionali, in questo caso la situazione si complica. Infatti, il risarcimento, in questo caso sarà pari a 400 euro per ogni anno di utilizzo della numerazione persa. I risarcimenti vanno da un minimo di 100 euro ad un massimo di 4000 euro.

Oltre a questi danni si possono richiedere anche dei danni patrimoniali e non subiti a causa della perdita del numero. Secondo quanto dichiarato dal Co.re.com, la perdita del numero telefonico, se imputabile all’operatore telefonico, rappresenta un evidente disagio per l’utente, che per questo motivo deve essere risarcito.

Leave a Reply