Illiad sarà preso il nuovo e il quarto operatore telefonico nazionale. La società francese nasce in seguito alla fusione tra Tre e Wind che hanno venduto alla stessa Illiad una…

Illiad, il quarto operatore telefonico nazionale

Illiad, il quarto operatore telefonico nazionale

Illiad sarà preso il nuovo e il quarto operatore telefonico nazionale. La società francese nasce in seguito alla fusione tra Tre e Wind che hanno venduto alla stessa Illiad una serie di asset, in grado di farla diventare un operatore a sè, così da incrementare la concorrenza sul mercato.

Illiad è stata fondata dall’imprenditore Xavier Niel ed è anche la proprietaria di Free Mobile, l’operatore telefonico che si è distinto oltralpe per le tariffe di telefonia vantaggiosissime e low cost. Xavier Niel, ex azionista di Telecom, conosce molto bene il mercato della telefonia nazionale.

Per Illiad entrare a far parte del mercato italiano rappresenta un’occasione da non perdere, in quanto l’Italia rappresenta il quarto mercato europeo per i servizi mobile, con un incremento pari a 12,8 miliardi di euro. Mentre sul piano mondiale è all’ottavo posto e per Illiad mette a disposizione anche spazi per il 4 G.

Molti sono gli operatori nazionali ad avere una buona copertura per il 4 G, si conta quasi il 90%, tuttavia gli abbonamenti attivi che sfruttano questa tecnologia sono ancora pochi, basti pensare al 19% della TIM contro il 33% della media nazionale dell’Europa occidentale.

Alla base di questi dati, il futuro nuovo operatore nazionale Illiad sta studiando dei piani vantaggiosi con tariffe low cost, seguendo la scia della strategia messa in atto per Free Mobile. Basti pensare che in Italia per una piano tariffario da 20 gb in 4g si può spendere fino a 40 euro al mese, mentre in Francia per 50 gb a 4g si spende 19,99 grazie alle tariffe low costo di Free Mobile. Dunque l’obiettivo di Free Mobile è quello di portare prezzi competitivi per nuovi piani tariffari, ciò di certo non fa altro che far tremare i colossi della telecomunicazione nazionale.

Bisogna ricordare che Free Mobile detiene il 17% degli abbonati e ha guadagnato 2,3 miliardi di euro. In Italia sta costruendo una rete propria come frequenze mobili da 35 MHz, 900 MHz, 1800 MHz, 2100 MHz e 2600 MHZ, rilasciate entro e non oltre il 2019 per un costo complessivo di 450 milioni di euro. Mentre le basi per le stazioni mobili dovranno coprire il 75% della popolazione compressiva. Illiad, inoltre, garantirà reti con connessione in 2G, 3 G e 4G.

 

Leave a Reply