Nel 2017 è stata fissata la resa dei conti per i prezzi della banda larga, che interesserà più di 2000 aziende nel Friuli Venezia Giulia e sette operatori telefonici, che…

Fibra ottica, cablate Lazio e Friuli Venezia Giulia

Fibra ottica, cablate Lazio e Friuli Venezia Giulia

Nel 2017 è stata fissata la resa dei conti per i prezzi della banda larga, che interesserà più di 2000 aziende nel Friuli Venezia Giulia e sette operatori telefonici, che hanno risposto agli annunci relativi alla cessione della fibra ottica.

Il Friuli Venezia Giulia è da considerarsi una delle regioni italiane che possiede una rete pubblica ad alta velocità. Un fattore molto importante che mette in primo piano non solo lo sviluppo regionale ma anche la sperimentazione e la digitalizzazione delle aziende, in modo da rendere sempre più efficienti le infrastrutture sfruttate per la connettività.

Motivo che porta il Friuli Venezia Giulia a mettere a disposizione delle aziende una infrastruttura di fibra ottica in grado di garantire un servizio sempre più efficiente nei comuni raggiunti, come: Aiello del Friuli, Buttrio, Pavia di Udine, San Vito al Torre e molti altri ancora.

In questa stessa situazione si trova anche il Lazio, che ha deciso di accelerare i tempi e di mettersi al pari con le tecnologie di ultima generazione che è in grado non solo di erogare ma di fornire grazie alle infrastrutture presenti sul territorio.

L’operatore con la maggiore percentuale di copertura regionale rimane TIM ed è previsto anche un investimento di circa 158 milioni di euro (dal 2016 al 2018). La banda larga nel Lazio raggiunge già una velocità di circa 100 mbps e riesce a coprire più del 66% delle abitazioni, che nel 2018 si conta un aumento che raggiungerà con molta probabilità l’87%. La linea presente nel Lazio vanta circa 1,2 milioni di chilometri di cavi in fibra ottica che collegano la centrale alle cabine stradali. Mentre i comuni che vantano la presenza della banda ultralarga sono già 60. Ma il progetto di Roma è ancora più importante e ha come obiettivo quello di portare nella capitale la fibra ottica a raggiungere una velocità di 1000  mbps, sfruttando la tecnologia FTTH.

Le zone coinvolte saranno inizialmente diversi quartieri della capitale, come Prati, Appio, Tuscolano, Casal Boccone, Pontelungo, Belle Arti, San Basilio, Romanina, e Cinecittà. Ma saranno interessate anche altre zone, che verranno raggiunte entro e non oltre il 2018, con l’utilizzo di infrastrutture esclusivamente sotterranee e già esistenti e poco invasive.

Leave a Reply