Potrebbe tradursi presto in un ricorso il braccio di ferro tra Enel e Telecom, che vede la contrarietà del gruppo telefonico relativamente all’affidamento a Enel dei lavori di realizzazione delle…

Enel-Telecom: battaglia per la banda larga

Enel-Telecom: battaglia per la banda larga

Potrebbe tradursi presto in un ricorso il braccio di ferro tra Enel e Telecom, che vede la contrarietà del gruppo telefonico relativamente all’affidamento a Enel dei lavori di realizzazione delle reti a banda larga.

Telecom: progetto per la banda larga in 40 centri urbani
Ufficiale è la disapprovazione di Telecom in merito all’affidamento dei lavori per la banda larga a Enel, situazione che, secondo i vertici della società di Tlc, renderebbe difficile l’accesso a incentivi pubblici da parte di altre realtà.
Il gruppo telefonico ha in progetto di portare la banda larga nei 40 principali centri urbani del Paese, con la fibra in modalità Fttc fino agli armadietti in strada e in modalità Fttb/h fino ai singoli edifici e dentro agli appartamenti.
Come già ricordato, un eventuale affidamento a Enel dell’appalto per i lavori potrebbe comportare una richiesta di ricorso internazionale.

Telecom pronta al ricorso in Commissione Europea
Secondo quanto riportato da diversi media nazionali, il gruppo Telecom sarebbe in caso già pronto al ricorso in Commissione Europea. La società, che seguirebbe l’esempio dell’esposto già presentato da Fastweb, avrebbe come principale obiettivo la richiesta del ritiro degli aiuti di Stato in quelle zone dove già Telecom si occupa d’investire nella banda larga con i propri fondi.
Questa situazione ha degli effetti anche sui mercati. Il titolo di Telecom ha perso terreno, chiudendo con un – 2,3% la prima parte della mattinata di lunedì 11 maggio. Non c’è però solo la banda larga al centro delle principali novità riguardanti il gruppo Telecom.

Telecom: entro l’anno aperti i cantieri alle Torri dell’Eur
Entro l’anno verranno aperti i cantieri per trasformare le Torri del quartiere Eur nella sede centrale Telecom. Gli edifici, la cui costruzione risale agli anni ‘70, accoglieranno presto i 5.500 dipendenti del gruppo, che lasceranno la sede di Corso d’Italia.
Il primo incontro tecnico tra l’assessore all’Urbanistica, il responsabile Telecom Italia e un rappresentante del gruppo Cdp Immobiliare (proprietario delle Torri) è già avvenuto nella giornata di lunedì 11 maggio ed entro la fine del 2015 si prevede l’avvio dei cantieri.

Leave a Reply