La lotta tra utenti e gestori telefonici è una battaglia continua, e spesso ci si trova addebitati sulla propria bolletta o sul proprio conto telefonico servizi di abbonamento che quasi…

Attivazione di tariffe non richieste: come riconoscere le truffe

Attivazione di tariffe non richieste: come riconoscere le truffe

La lotta tra utenti e gestori telefonici è una battaglia continua, e spesso ci si trova addebitati sulla propria bolletta o sul proprio conto telefonico servizi di abbonamento che quasi mai vengono richiesti.

Tra le segnalazioni più accreditate c’è di sicuro il servizio attivato, da H3G tramite la piattaforma di pagamento Mobilepay, con il seguente sms: «Kamgaroo: abbonamento attivato. Costo 4.99E a settimana. Vai su Kamgaroo.com. Per info e disatt 02-89980612 o selfcare.mobilepay.it». Kamgaroo è un servizio in abbonamento disponibile per clienti delle Compagnie di telefonia mobile, TIM, Vodafone, Wind e H3G.

Il servizio, è attivato all’insaputa del cliente che riceve un semplice messaggio pubblicitario, che finisce spesso per essere ignorato, e poi si vede addebitati sulla bolletta telefonica la modica cifra di 20 euro al mese, prezzo dell’abbonamento del servizio mensile. Una vera e propria truffa a carico dell’utente ignaro e una pratica scorretta da parte di chi eroga il servizio, che finisce per violare il codice del consumo e attiva un servizio non desiderato scalando direttamente dal credito telefonico la cifra richiesta per l’attivazione.

Da quanto si legge sul sito, sia dell’abbonamento Kamgaroo sia su quello di Mobilepay, per attivare qualsiasi servizio è necessario fare dei passaggi fondamentali, quali: scaricare un contenuto tra quelli presenti su servizio, sottoscrivere l’abbonamento e fornire un numero di telefono valido. Un iter molto complesso, che l’utente non esegue mai, perché non scarica alcun contenuto, non sottoscrive alcun abbonamento e non fornisce nessun numero di telefono.
Una pratica commerciale scorretta da parte di
H3G Spa e PREMIUM TELECOM, che consiste nell’attivazione mediante silenzio assenso di servizi non richiesti, in violazione della normativa prevista dal codice del consumo.
La pratica commerciale è stata denunciata all’
Antitrust e si consiglia ai consumatori che hanno ricevuto i messaggi dal marchio Mobilepay di disattivare prontamente il servizio chiamando il numero indicato nell’sms ricevuto e in aggiunta inviare una mail alla società relativa al servizio attivato.
Segnalare l’accaduto all’
Agcm.
Inviare la richiesta di disattivazione del servizio e la richiesta di restituzione degli importi tramite raccomandata AR e/o pec a entrambe le società.
E in caso di mancata ottemperanza agire con il tentativo obbligatorio di conciliazione innanzi al
Corecom.

Leave a Reply