Come cambiare operatore telefonico

Grazie al Decreto Bersani del 4 luglio 2006, cambiare operatore è diventato più semplice per gli utenti. Le promozioni telefoniche sono aumentate in modo esponenziale e di conseguenza è cresciuta la frequenza con cui gli abbonati passano da un operatore telefonico all’altro. Fino a qualche tempo fa, infatti, il processo di migrazione era più articolato. Oggi, invece, le procedure sono diminuite sensibilmente e risultano più economiche. Ciò non significa però che bisogna prestare minore attenzione al passaggio. Se da un lato sono aumentate le offerte per cambio operatore, dall’altro lato, le cattive sorprese sono dietro l’angolo.

Come effettuare il cambio operatore telefonico

Il passaggio da un operatore di telefonia fissa all’altro può avvenire nell’arco di poco tempo e a costi contenuti. In linea di massima, tutto quello che si deve fare è contattare il gestore con il quale si vuole sottoscrivere un nuovo contratto telefonico e manifestare l’intenzione di voler procedere con il processo di migrazione, conservando il proprio numero. Il passaggio richiede l’utilizzo del cosiddetto codice di migrazione, un codice alfanumerico di 7-18 caratteri che si trova nelle fatture di tutti gli operatori telefonici. Esso consente di identificare in maniera univoca l’utente e di effettuare la procedura. In mancanza di questo codice, infatti, non è possibile autorizzare il passaggio a un altro gestore.
Il cambio di operatore telefonico può essere richiesto telefonicamente, in tal caso si deve accettare la registrazione della chiamata e attendere la ricezione della documentazione da firmare e spedire al nuovo gestore.
In alternativa, è possibile effettuare il procedimento direttamente online, sul sito dell’operatore verso il quale si desidera migrare.
La pratica di disdetta per il contratto telefonico viene gestita direttamente dal nuovo operatore. L’utente non deve fare altro che firmare la documentazione ricevuta e spedirla via fax, o raccomandata, secondo le indicazioni fornite dall’azienda.

Costi e tempi per cambiare operatore telefonico

Le offerte per cambio operatore sono invitanti e molte volte rappresentano il motivo della scelta. Tuttavia, è opportuno considerare anche i tempi tecnici della migrazione. Questi sono dettati dalla legge e prevedono che l’attivazione della linea da parte del nuovo gestore avvenga entro 10 giorni lavorativi dalla richiesta di abbonamento da parte del cliente. Il numero massimo di giorni di preavviso al vecchio operatore, per richiedere la cessazione del servizio, invece sono 30. Inoltre, bisogna considerare anche i costi che il cambio operatore telefonico richiede.
Essi sono contenuti ma bisogna stare attenti alle penali previste in caso di recesso anticipato del contratto di abbonamento. Esso normalmente prevede una durata minima di 24 mesi. Quindi, in caso di cessazione anticipata del servizio, il cliente va incontro al pagamento di una somma prevista dal contratto sottoscritto con il gestore.  Le penali riguardano anche quei casi in cui il cliente, una volta disdetto il proprio abbonamento, non restituisce al gestore le apparecchiature (es. modem, decoder, telefoni) ricevute in comodato d’uso o a noleggio.
Questa operazione, normalmente, deve essere svolta entro 15 giorni dal momento in cui il contratto viene annullato.
Infine, altri costi aggiuntivi possono essere legati alle promozioni attivate con il precedente operatore, che prevedono un vincolo contrattuale di 24 o più mesi.

Ultimi articoli in Cambiare operatore telefonico

Cambiare operatore conviene sempre di più, in quanto i gestori telefonici regalano circa 17 euro per il primo anno di attivazione a tutti i nuovi clienti. Ormai i consumatori sono…

Cambiare operatore telefonico non è mai stato così semplice. Ma per fare ciò è sempre consigliabile essere a conoscenza di tutte le regole necessarie, in modo tale da evitare eventuali…

Il mercato della telefonia è sempre in movimento. Quasi quotidianamente veniamo infatti bombardati da nuove offerte telefoniche, soprattutto adesso che la fibra ottica sta arrivando nelle città. Ma cosa bisogna…

Pagina 1 di 212