Free Mobile, cosa offre?

24 febbraio 2016 - Offerte

Manca davvero poco e Free Mobile approderà anche in Italia con tariffe davvero vantaggiose, elemento che ha fatto distinguere l’operatore telefonico rispetto ai concorrenti europei del settore.

L’operatore telefonico francese nasce dalla società Illiad, ed è considerato il 4 gestore in grado di ottenere la licenza per utilizzare la rete 3 G. Free Mobile possiede circa il 17% del mercato in Francia e si è distinto dagli avversari proprio per la strategia aggressiva di marketing, in grado di offrire ai propri clienti delle tariffe low cost.

Free Mobile, infatti, risulta essere l’operatore telefonico con i piani tariffari più bassi in circolazione. Se pensiamo che le offerte proposte in Francia sono più che low cost e sarebbero inconcepibili qui in Italia. Infatti con 2,99 euro al mese puoi avere chiamate ed sms illimitati, più 50 Gb di internet per la connessione mobile. Promozioni come questa sono valide per 12 mesi e permettono di chiamare illimitatamente in 35 paesi.

Per questo motivo i gestori telefonici nazionali stanno gettando le basi per preparare il terreno in occasione dell’arrivo della nuova rivale, che non ha nessuna intenzione di passare inosservata ma di affermarsi concretamente sul mercato. Ad esempio TIM sta progettando il lancio di un nuovo operatore virtuale che sfrutti le infrastrutture di Telecom e che possa competere a livello di costi con le tariffe di Free Mobile. Anche Vodafone sta seriamente pensando al rilancio di TeleTU, con l’obiettivo primario di mettere il bastone tra le ruote a Free Mobile.

A questo punto quello che ci prepariamo a vivere è sicuramente uno scenario affollato da operatori mobili virtuali e reali, con più di 100 milioni SIM attive sul territorio italiano.

Free Mobile ha investito circa 450 milioni di euro per acquisire le frequenze telefoniche al fine di permettere all’operatore di avere la giusta copertura. Inoltre, non sono da escludere anche gli accordi con Wind e Tre, che a breve diventeranno un unico operatore, soprattutto per quanto riguarda il servizio di roaming e riuscire a coprire così le zone più irraggiungibili.

A detenere il primato sul mercato nazionale, secondo quanto riportato dai dati AgCom, sono TIM e Vodafone, rispettivamente con il 30,5% e il 29% della telefonia mobile in Italia.

Leggi l'articolo originale su FastADSL.it