In Italia esiste un’ottima rete per la connessione in 4G, anche se la copertura nazionale è pessima a causa di problemi di accessibilità. Tuttavia si stanno registrando dati di miglioramento…

4G, in Italia le reti sono buone ma non c’è copertura

4G, in Italia le reti sono buone ma non c’è copertura

In Italia esiste un’ottima rete per la connessione in 4G, anche se la copertura nazionale è pessima a causa di problemi di accessibilità. Tuttavia si stanno registrando dati di miglioramento grazie agli operatori italiani che via via stanno sempre di più spingendo verso l’LTE.

Open Signal ha misurato la velocità e la copertura LTE dei maggiori operatori di telefonia in Italia. Nella prima parte del 2016, su 60 milioni di misurazioni, 15 milioni di download corrispondono alla copertura di Vodafone, che consente di  connettersi alla sua rete LTE per il 74,97% del tempo totale. Al secondo posto troviamo TIM con una copertura del 68,10% del tempo totale. Mentre le prestazioni di Wind e 3 sono al di sotto del 50%, si potrebbe sperare ad un potenziamento con la fusione dei due gestori.

Da questi dati si può stabilire che la media nazionale di segnale LTE è del 58%. Inevitabile il confronto con l’estero: in Italia tre operatori su 4 sono riusciti a superare la media internazionale. Nei primi tre mesi del 2016 si è registrata una media di 19,6 Mbps di scaricamento per LTE: 18,7 Mbps per Vodafone e di 17,5 Mbps per Telecom Italia Mobile.

Nel 2012, gli operatori di telefonia italiani avevano investito per le nuove tecnologie HSPA +, che hanno reso le reti 3G, tra le più veloci al mondo. Tra i leader del settore sempre Vodafone con una media di velocità di connessione pari al doppio di quella registrata a livello globale.

Un altro fattore a cui andare incontro è sicuramente quello della latenza: il tempo di risposta della rete stessa, ovvero l’attesa per caricare una pagina o per inviare un semplice click. In questo contesto ad avere la meglio è stata TIM con un tempo di 62,32 millisecondi in 4G. Mentre Vodafone era riuscita ad accaparrarsi il primato in 3G con un tempo di 87ms.

Dal punto di vista tecnico, in Italia, esistono tutte le infrastrutture necessarie per pensare e sperare a un potenziamento della linea LTE. Allo stato dei fatti la maggior parte degli utenti italiani che devono usufruire di una connessione in 4G non riescono ad avere la copertura necessaria.

Leave a Reply